Scritti inediti e consigli per gli autori
 

Cronache di animali : la lucertola

Soviet_Mario 1 Mag 2017 21:03
Quest'anno, complici anche coincidenze climatiche
(devastanti gelate di fine aprile), ponti, ed altro (non
meglio precisato), la stagionale guerra con le "rossette"
procede bene.
Solo tre campagne difensive, più brevi del solito (in quanto
molto tempestive, su fronti ancora non consolidati), ed una
lunga serie di vittoriose sortite offensivo-preventive,
allargando il raggio d'azione e portando la guerra vicino ai
loro infiniti avamposti. E' il primo anno di controffensiva.
La stuccatura dell'intero perimetro con l'acrilico vi ha
tolto una breccia ambita.

Ho imparato a maneggiare insieme il saldatore a gas
portatile e lo spruzzatore ad alta pressione caricato ad
alcool, producendo liberatorie fiammate tonanti di oltre un
metro, voluminosissime, e colonne d'aria calda in grado di
spazzare, da in piedi alla scala, sino i travi del tetto,
facendovi cadere stecchite come una pioggia rinsecchita e
odorante di acido formico.

Purtroppo il bruciatore è stanco e frusto. Ha visto
consumarsi troppe bombolette. Anche se so pulire l'ugello
ormai a occhi chiusi, mah ! ... la manutenzione non basta
più. Se fosse vivo, sarebbe semplicemente vecchio e stanco
di lavorare. Ma non può andare in pensione. Poraccio.
L'estate è ancora lunga.
Ultimamente ad es. esso "perde" (da dove non è dato di
sapere) ed ossigena male, fa lunghe lingue di fiamma gialla.

Tutte divagazioni ? Non proprio.

L'altro giorno stavo bruciando una pista lunga, ai margini
della zona già bruciacchiata. C'era sole, e la ******* di
fiamma guizzava pigra e senza rumore (il che, sia chiaro,
per una fiamma, E' MALE), gialla, untuosa e s*****ante.

D'improvviso, del tutto inattesa, hai fatto una sortita da
sotto il capanno, poi in un guizzo tra i miei piedi, e l'hai
attaccata.
Mai visto nulla di simile, nessun animale a me noto è così
demente o stupido da attaccare una fiamma.
Ma scambiandola per chissà cosa (me lo chiedo ancora e non
ho spiegazioni) hai attaccato la fiamma.
Sorpreso, per tua gran fortuna, dall'improvviso fruscio e
convulsioni frenetiche, mi sono ritratto di scatto : solo
per questo ti sei salvata, in condizioni forse accettabili.

Ho capito che eri una lucertola solo quando sei rimasta
ferma a terra, ferma e un po' stralunata. Una lucertola in
livrea verde, penserei maschio ...
Uhm ... non è che hai scambiato la ******* gialla e mobile
per una lucertolessa che stavi pedinando ?
Maieutica della scrittura ! Solo ora ci penso, che strano.
Eh si, perché per descriverti mi son detto che conveniva
citare il tuo colore, e mi è tornato alla mente che ho
sempre notato che nella stagione del calore i maschi
diventano verdastri e folli.
Verde eri verde, folle pure.
Si è plausibile : l'hai scambiata per il guizzo argenteo di
una lucertolessa. E invece era la fiamma formicicida !
Sei rimasta immobile, intontita e istupidita, tra l'erba
carbonizzata.
(Autodiagnosi in corso. rapporto danni ... le zampe sembrano
funzionare. Occhi non pervenuti).
Scuotevo la testa più attonito di te, senza capire come
fosse possibile che un rettile avesse tentato il suici*****
scagliandosi nel fuoco.
Per tua fortuna, opportunamente sollecitata, poi sei
scappata all'ombra, fermandoti a un metro scarso. A vista
parevi intera, ma chi può dirlo. Chi sa se le palpebre si
sono chiuse in quel mezzo secondo di vampa, o no. Chissà se
hai ancora entrambi gli occhi funzionanti, solo uno, o
nessuno .. Lì per lì mi guardavi pure tu, sicché ancora
cieca non eri, non impaziente di riprendere gli affari
precedenti.

Poi ho cessato di occuparmi della tua sorte, su cui in ogni
caso non avrei avuto influenza alcuna, e son tornato a
dedicarmi scrupolosamente allo sterminio delle maledette
"rossette".

Signor Lucertola, che dirle : porti eventualmente i miei
rispetti alla sua signora Lucertolessa e le dica che qualora
trovassi uova visibili, avrei cura di seppellirle sotto un
dito di sabbia, a sud.
(le ultime tre righe si autodistruggeranno) :)

CCCP

--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
danca (Daniele Campagna) 2 Mag 2017 16:30
Il 05/02/2017 11:51 AM, rawmode ha scritto:
> "Soviet_Mario"
>
> Si è plausibile : l'hai scambiata per il guizzo argenteo di
> una lucertolessa. E invece era la fiamma formicicida !
> .....
>
> i rettili hanno "la vista" a infrarossi e voleva papparsi
> la tua fiammella..che avra' scambiato tutt'al piu' per una
> farfalla..
>
>
Concordo sulla farfalla, meno "romantica" della lucertolessa ma più
plausibile IMHO.

Dan

--
"Everybody should pay taxes with a smile"
I tried, but they want money.
danca (Daniele Campagna) 2 Mag 2017 17:03
Il 05/01/2017 09:03 PM, Soviet_Mario ha scritto:
>
> Quest'anno, complici anche coincidenze climatiche (devastanti gelate di
> fine aprile), ponti, ed altro (non meglio precisato), la stagionale
> guerra con le "rossette" procede bene.
> Solo tre campagne difensive, più brevi del solito (in quanto molto
> tempestive, su fronti ancora non consolidati), ed una lunga serie di
> vittoriose sortite offensivo-preventive, allargando il raggio d'azione e
> portando la guerra vicino ai loro infiniti avamposti. E' il primo anno
> di controffensiva. La stuccatura dell'intero perimetro con l'acrilico vi
> ha tolto una breccia ambita.
>
> Ho imparato a maneggiare insieme il saldatore a gas portatile e lo
> spruzzatore ad alta pressione caricato ad alcool, producendo liberatorie
> fiammate tonanti di oltre un metro, voluminosissime, e colonne d'aria
> calda in grado di spazzare, da in piedi alla scala, sino i travi del
> tetto, facendovi cadere stecchite come una pioggia rinsecchita e

Intanto ti notifico che mi hai causato alcuni istanti di sgomento: dato
il titolo e le prime righe ambigue, pensavo si raccontasse di una
vicenda in cui si abbrustoliscono innocenti lucertole.

Ho un grosso senso di repulsione sulla ******* delle lucertole, che era
purtroppo ampiamente praticata dai ragazzini ai miei tempi, ovvero
quando io ero ragazzino, ovvero moltissimo tempo fa.

Io già allora deploravo queste pratiche, che arrivavano a livelli di
crudeltà semplicemente inconcepibili, e non starò qui adesso a
descriverli in quanto davvero rivoltanti.
Ma è un fatto che i ragazzini lo facevano, eccome.

Non so perché la lucertola, il più innocuo e grazioso dei rettili,
suscitasse tale maligno istinto rettilicida.
Evidentemente c'è qualcosa di atavico che ci fa odiare i rettili, anche
i più innocui. Del resto potrebbe essere un altro obliquo retaggio della
dottrina cattolica, a cui tutti ahimé siamo stati esposti, con quella
storia del serpente. Mah. O magari la dottrina ha scelto il serpente
proprio perché sapeva che è' odiatissimo.

Quando ho letto dell'odore di acido formico ho capito che stavo
prendendo un granchio, ma non è che l'abbrustolire formiche sia proprio
edificante: guarda che secondo i nonni basta intersecare le loro piste
odorose con petrolio per gettarle nello smarrimento, già me le vedo a
sfregarsi freneticamente le antenne l'una con l'altra: "Ma non era qua?"
"Sei pazza? non senti che puzza?"

Io le lucertole le allevavo in un terrario, le nutrivo con grassi
cagnotti, ma vedevo che non erano felici (e infatti: mi cagavano in mano
ogni volta che le acchiappavo, il loro modo di dire che hanno paura e
non si fidano per niente). Così smisi anche quella innocua pratica.

Ero iscritto alla lega antivivisezionistica e amavo molto il mio
cagnolino, avrò avuto 10-12 anni.

Poi mi sono reso conto di essere un ipocrita, in quanto carnivoro.
Ho deciso per la via di mezzo: rispetto gli animali ma so di essere un
assassino, quindi non fingo falsi pietismi. Non alleverò mai piccoli
carnivori. Non compro carne di cuccioli, al massimo di qualche animale
adulto.
Non coccolo i cani: li tollero, e loro mi amano tantissimo perché
capiscono che non li o***** per niente, e li rispetto.

Mi fregano un po' i gatti, quando mi si accoccolano sulle ginocchia e
cominciano a fare le fusa. Pare che emettano una frequenza di 26 Hertz,
estremamente benefica, soprattutto per gli osteblasti, ma forse anche in
generale. Lo stesso del famoso "OM" di buddisti e induisti. Una bassa
frequenza in grado di stimolare processi rigenerativi e anche un certo
rilassamento.

Le lucertole, poverine, mute e senza la morbida pelliccia, non hanno mai
avuto tempi facili: anche i gatti le perseguitano, e i rapaci, e i
ragazzini: altri rettili, persino.

Son quasi sicuro che un ******* burlone mi prenda in parola e un giorno mi
faccia reincarnare in una lucertola, ghignando nell'infinito della umana
pochezza.

Dan
--
"Everybody should pay taxes with a smile"
I tried, but they want money.
Soviet_Mario 2 Mag 2017 18:35
On 02/05/2017 11.51, rawmode wrote:
> "Soviet_Mario"
>
> Si è plausibile : l'hai scambiata per il guizzo argenteo di
> una lucertolessa. E invece era la fiamma formicicida !
> .....
>
> i rettili hanno "la vista" a infrarossi e voleva papparsi
> la tua fiammella..che avra' scambiato tutt'al piu' per una
> farfalla..

uhm, circa gli IR, so che ALCUNI rettili (come i serpenti)
hanno alcuni organi sensori termici per localizzare al buio,
ma sulla lucertola che è un predatore totalmente diurno ne
sono scettico (non avrebbe grande utilità).
La visione diurna infrarossa è praticamente "accecata" cmq
dallo spettro solare, che è di gran lunga la più possente
sorgente infrarossa sulla piazza.

Ad ogni modo, anche ammettendo che abbia quel sensore, e che
sappia in qualche modo usarlo in pieno sole, mi pare strano
poter scambiare la luminanza di una farfalla con quella di
molti ordini di grandezza maggiore di una fiamma.
Diversamente andrebbe di moda auto-arrostirsi.

Nel visibile non c'è invece questa sproporzione, tra la luce
solare riflessa e la luce generata dall'incandescenza.

Ovviamente non sono sicuro di nulla

>
>


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Soviet_Mario 2 Mag 2017 18:39
On 02/05/2017 16.30, danca (Daniele Campagna) wrote:
> Il 05/02/2017 11:51 AM, rawmode ha scritto:
>> "Soviet_Mario"
>>
>> Si è plausibile : l'hai scambiata per il guizzo argenteo di
>> una lucertolessa. E invece era la fiamma formicicida !
>> .....
>>
>> i rettili hanno "la vista" a infrarossi e voleva papparsi
>> la tua fiammella..che avra' scambiato tutt'al piu' per una
>> farfalla..
>>
>>
> Concordo sulla farfalla, meno "romantica" della lucertolessa
> ma più plausibile IMHO.

ma anche sulla questione dei sensori, o soltanto sull'equivoco ?
Sull'equivoco ci può stare, forse, anche se non mi spiego
l'assenza di "inibizione da auto-conservazione".
Non ho mai osservato un comportamento del tipo di andare a
cacciare la Preda C, rischiando di brutto di finire predate
da A (io). La pistola ce l'avevo in mano, e la muovevo pure,
non ero un ente inanimato (se sei immobile, per le lucertole
cessi di esistere, questo è un fatto, ma stavo spazzolando
terra con la fiamma).
Normalmente le lucertole tendono a tenere una certa distanza
da una persona : l'unico contesto in cui le ho mai viste
impazzite (quasi da scavalcarti i piedi) è quando si
inseguono in calore. Sono skizzate, non capiscono più nada.

Boh ... la intervisterò :)

>
> Dan
>


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Soviet_Mario 2 Mag 2017 18:53
On 02/05/2017 17.03, danca (Daniele Campagna) wrote:
> Il 05/01/2017 09:03 PM, Soviet_Mario ha scritto:
>>
>> Quest'anno, complici anche coincidenze climatiche
>> (devastanti gelate di
>> fine aprile), ponti, ed altro (non meglio precisato), la
>> stagionale
>> guerra con le "rossette" procede bene.
>> Solo tre campagne difensive, più brevi del solito (in
>> quanto molto
>> tempestive, su fronti ancora non consolidati), ed una
>> lunga serie di
>> vittoriose sortite offensivo-preventive, allargando il
>> raggio d'azione e
>> portando la guerra vicino ai loro infiniti avamposti. E'
>> il primo anno
>> di controffensiva. La stuccatura dell'intero perimetro con
>> l'acrilico vi
>> ha tolto una breccia ambita.
>>
>> Ho imparato a maneggiare insieme il saldatore a gas
>> portatile e lo
>> spruzzatore ad alta pressione caricato ad alcool,
>> producendo liberatorie
>> fiammate tonanti di oltre un metro, voluminosissime, e
>> colonne d'aria
>> calda in grado di spazzare, da in piedi alla scala, sino i
>> travi del
>> tetto, facendovi cadere stecchite come una pioggia
>> rinsecchita e
>
> Intanto ti notifico che mi hai causato alcuni istanti di
> sgomento: dato il titolo e le prime righe ambigue, pensavo
> si raccontasse di una vicenda in cui si abbrustoliscono
> innocenti lucertole.
>
> Ho un grosso senso di repulsione sulla ******* delle
> lucertole, che era purtroppo ampiamente praticata dai
> ragazzini ai miei tempi, ovvero quando io ero ragazzino,
> ovvero moltissimo tempo fa.
>
> Io già allora deploravo queste pratiche, che arrivavano a
> livelli di crudeltà semplicemente inconcepibili, e non starò
> qui adesso a descriverli in quanto davvero rivoltanti.
> Ma è un fatto che i ragazzini lo facevano, eccome.

comprendo, e già allora detestavo violentemente la cosa. Qui
usavano anche i petardi :(

>
> Non so perché la lucertola, il più innocuo e grazioso dei
> rettili, suscitasse tale maligno istinto rettilicida.

è vero, è graziosa e anche molto utile. Ad es. mangia i
piccoli scarrafoni e li inghiotte interi.

> Evidentemente c'è qualcosa di atavico che ci fa odiare i
> rettili, anche i più innocui.

credo che sia sadismo e vigliaccheria.

> Del resto potrebbe essere un
> altro obliquo retaggio della dottrina cattolica, a cui tutti
> ahimé siamo stati esposti, con quella storia del serpente.
> Mah. O magari la dottrina ha scelto il serpente proprio
> perché sapeva che è' odiatissimo.

si, ma per i serpi (specie delle zone ******* è possibile che
sia stata una scelta "funzionale".

>
> Quando ho letto dell'odore di acido formico ho capito che
> stavo prendendo un granchio, ma non è che l'abbrustolire
> formiche sia proprio edificante: guarda che secondo i nonni
> basta intersecare le loro piste odorose con petrolio per
> gettarle nello smarrimento, già me le vedo a sfregarsi
> freneticamente le antenne l'una con l'altra: "Ma non era
> qua?" "Sei pazza? non senti che puzza?"

con cambiamento climatico siamo stati colonizzati da
varianti di formiche non autoctone.
Con le nere e con le rosse autoctone non ho nessun problema
di convivenza. Le "rossette" di cui parlo sono invasive come
la peste, e cambiano strada. Dovrei creare un anello perenne
di gasolio attorno casa. Tra l'altro, sono delle
efficientissime SACCHEGGIATRICI DI NIDI di altre specie di
formiche. Sono poco corazzate, velocissime, e "fòrmicissime"
e nemmeno i formiconi neri corazzati, o le ancora più
fòrmiche formìche rosse classiche riescono a difendere i
loro nidi. Glieli svuotano in una mezz'ora, sfrecciando
impunemente

>
> Io le lucertole le allevavo in un terrario, le nutrivo con
> grassi cagnotti, ma vedevo che non erano felici (e infatti: > mi cagavano in
mano ogni volta che le acchiappavo, il loro

presumo per lo stress ... a volta si staccano la coda anche
senza ragione, sotto stress.

> modo di dire che hanno paura e non si fidano per niente).
> Così smisi anche quella innocua pratica.
>
> Ero iscritto alla lega antivivisezionistica e amavo molto il
> mio cagnolino, avrò avuto 10-12 anni.

idem, sono tuttora finanziatore di LAV, ENPA, OIPA, e da
quest'anno ho sottoscritto anche OSA (Oltre la
Sperimentazione Animale).
Tuttavia se mi cagano eccessivamente il ******* come dire,
divento abbastanza tignoso.

>
> Poi mi sono reso conto di essere un ipocrita, in quanto
> carnivoro.

non mi pare ipocrisia in realtà. PArziale incoerenza si, ma
forse nemmeno totale.
Anche nell'uccidere e nell'allevare ci sono infinite
sfumature di perversione, che passano dal modo di cacciare e
di vivere l'evento dei pellirosse, che veneravano il Bisonte
come semidivinità e chiedevano scusa e grazie, all'eccesso
di usare gli animali come prodotti inanimati, talvolta
persino bersagli di scherno e frustrazione prima della
macellazione.

> Ho deciso per la via di mezzo: rispetto gli animali ma so di
> essere un assassino, quindi non fingo falsi pietismi. Non
> alleverò mai piccoli carnivori.

beh, se mi parli di acquistarli e pompare il mercato, sono
d'accordo al 100 %. Se si tratta di adottare randagi, non ci
vedo enormi incoerenze. Loro sono carnivori obbligati o
quasi, e bisogna soddisfare l'esigenza.
Credo che, cavallo a parte (per fini utilitaristici), l'uomo
leghi maggiormente coi predatori perché sono mediamente più
intelligenti degli erbivori, e simili a noi.

> Non compro carne di
> cuccioli, al massimo di qualche animale adulto.
> Non coccolo i cani: li tollero, e loro mi amano tantissimo
> perché capiscono che non li o***** per niente, e li rispetto.

anche io non amo toccare i cani, tanto meno essere
avvicinato da loro.

>
> Mi fregano un po' i gatti, quando mi si accoccolano sulle
> ginocchia e cominciano a fare le fusa.

il gatto è abile a ******* i riservati :)

> Pare che emettano una
> frequenza di 26 Hertz, estremamente benefica, soprattutto
> per gli osteblasti, ma forse anche in generale. Lo stesso
> del famoso "OM" di buddisti e induisti. Una bassa frequenza
> in grado di stimolare processi rigenerativi e anche un certo
> rilassamento.

ho letto pure io di varie interpretazioni. Dopodiché,
continuo a ritenerla pura Magia .)

>
> Le lucertole, poverine, mute e senza la morbida pelliccia,
> non hanno mai avuto tempi facili: anche i gatti le

il gatto non lo sa, ma la lucertola gli si ritorce contro.
Contiene sostanze anti-nutrienti, e i gatti che magnano
tante lucertole diventano magri come stecchi.

> perseguitano, e i rapaci, e i ragazzini: altri rettili,
> persino.

Si le bisce se le beccano le inghiottono, pure uccelli
qualsiasi.


>
> Son quasi sicuro che un ******* burlone mi prenda in parola e un
> giorno mi faccia reincarnare in una lucertola, ghignando
> nell'infinito della umana pochezza.
>
> Dan


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
danca (Daniele Campagna) 2 Mag 2017 21:18
Il 05/02/2017 06:53 PM, Soviet_Mario ha scritto:
> On 02/05/2017 17.03, danca (Daniele Campagna) wrote:
>> Il 05/01/2017 09:03 PM, Soviet_Mario ha scritto:
>
> con cambiamento climatico siamo stati colonizzati da varianti di
> formiche non autoctone.

Sì, io sapevo però delle "argentine", minuscole e lente. Se ti
interessa, magari trovi qualcosa su Internet a proposito del
"superformicaio". Lessi su Le Scienze anni fa che in effetti queste
formichine hanno silenziosamente colonizzato migliaia di Km di Europa.
Siccome non si ammazzano tra di loro, anche se di formicai differenti,
cosa che le formiche serie invece fanno con estrema ferocia, si può
appunto parlare di un superformicaio con miliardi di individui.
Sono difficili da debellare e fanno fuori le altre formiche
probabilmente solo in virtù della loro preponderanza numerica, dato che
fisicamente non sembrano molto dotate.

> Con le nere e con le rosse autoctone non ho nessun problema di
> convivenza. Le "rossette" di cui parlo sono invasive come la peste, e
> cambiano strada. Dovrei creare un anello perenne di gasolio attorno
> casa. Tra l'altro, sono delle efficientissime SACCHEGGIATRICI DI NIDI di
> altre specie di formiche. Sono poco corazzate, velocissime, e
> "fòrmicissime" e nemmeno i formiconi neri corazzati, o le ancora più
> fòrmiche formìche rosse classiche riescono a difendere i loro nidi.
> Glieli svuotano in una mezz'ora, sfrecciando impunemente

Toh, nonostante il mio antico interesse verso le formiche (volevo fare
l'entomologo) di questo non so nulla. Le uniche "velocissime" che
conoscevo sono delle nere non propriamente piccole, che ho spesso visto
in mezzo alle argentine. Sfrecciano a tale velocità che le lentissime
piccolette manco le vedono, hanno testa piccola (quindi mandibole poco
pronunciate), e addome piuttosto grosso in proporzione. Non sapevo
nemmeno di questo costume di razziare i formicai altrui. Per quanto ne
sapevo, entrare in un formicaio è praticamente impossibile senza
scatenare un ******* di sangue (di formica).

>
>>
>> Io le lucertole le allevavo in un terrario, le nutrivo con grassi
>> cagnotti, ma vedevo che non erano felici (e infatti: > mi cagavano in
>> mano ogni volta che le acchiappavo, il loro
>
> presumo per lo stress ... a volta si staccano la coda anche senza
> ragione, sotto stress.

Eh sì, bisogna acchiapparle con la massima cura e saldamente, allora
scatta il riflesso dell'immobilità (e quell'altro che ho detto). Se
invece pensano di poter scappare non esitano ad automutilarsi per
distrarre il predatore, che potrebbe concentrarsi sulla coda (che si
contorce in automatico per un po' di tempo dopo staccata). Curiosi
animaletti.

>> Poi mi sono reso conto di essere un ipocrita, in quanto carnivoro.
>
> non mi pare ipocrisia in realtà. PArziale incoerenza si, ma forse
> nemmeno totale.

... grazie per l'assoluzione parziale! :-)

> Anche nell'uccidere e nell'allevare ci sono infinite sfumature di
> perversione, che passano dal modo di cacciare e di vivere l'evento dei
> pellirosse, che veneravano il Bisonte come semidivinità e chiedevano
> scusa e grazie, all'eccesso di usare gli animali come prodotti
> inanimati, talvolta persino bersagli di scherno e frustrazione prima
> della macellazione.
>

Cose brutte. I pellirossa vivevano in equilibrio con l'ambiente,
predando lo stretto necessario e sfruttando tutto del bisonte. Quando
arrivarono i bianchi, rimasero esterrefatti dal fatto che essi facessero
strage di bisonti, per prelevare solo la ******* lasciando centinaia di
carcasse a marcire. Per loro era un terribile sacrilegio (e direi
anch'io che lo è). Si trattava dei cacciatori assoldati dalle compagnie
che posero le prime ferrovie. O almeno io la so così.

>
>>
>> Mi fregano un po' i gatti, quando mi si accoccolano sulle ginocchia e
>> cominciano a fare le fusa.
>
> il gatto è abile a ******* i riservati :)
>

Ah! Ah! Hai proprio ragione! Sono dei marpioni insuperati. :-)

>
> il gatto non lo sa, ma la lucertola gli si ritorce contro. Contiene
> sostanze anti-nutrienti, e i gatti che magnano tante lucertole diventano
> magri come stecchi.

La saggezza contadina lo sapeva: avendo passato una parte di infanzia in
campagna, me lo sentii dire dalla nonna, e rimasi molto meravigliato.
Diceva che diventavano brutti e spelacchiati... Curioso che invece non
pare che abbiano alcuna conseguenza a mangiare gli scorpioni (visto con
i miei occhi).

Dan

--
"Everybody should pay taxes with a smile"
I tried, but they want money.
rawmode 2 Mag 2017 21:40
"Soviet_Mario"
....
Diversamente andrebbe di moda auto-arrostirsi.

.....
Guarda che le *****ate, in natura, sono esclusiva opera umana!
Una lucertola non arriverebbe mai a pprospettarsi una fiammella!!
Ma come ti viene in testa!?:) A te una lucertola non ti vede proprio,
sei come bufalo sul quale gli uccellini vanno a beccare i parassiti.
Insolla le lucertole lo sanno che sei un....
un coso che scrive poesie!!
;)
rawmode 2 Mag 2017 21:48
"rawmode"

> Insolla le lucertole lo sanno che sei un....
> un coso che scrive poesie!!
> ;)
>

Insomma!!:)) eppure la elle non e' vicino alla emme, nah...
(pero' la enne si' e' vicino alla emme!!) niente continuo a sbagliare le
lettere.
Volevo dire che le lucertole sanno che sei innocuo e sanno da cosa
difendersi...
e nda oggi avranno anche qualche info in piu', ovvero, non avvicinarsi ai
bufali
all'opera!!
Soviet_Mario 2 Mag 2017 22:03
On 02/05/2017 21.18, danca (Daniele Campagna) wrote:
> Il 05/02/2017 06:53 PM, Soviet_Mario ha scritto:
>> On 02/05/2017 17.03, danca (Daniele Campagna) wrote:
>>> Il 05/01/2017 09:03 PM, Soviet_Mario ha scritto:
>>
>> con cambiamento climatico siamo stati colonizzati da
>> varianti di
>> formiche non autoctone.
>
> Sì, io sapevo però delle "argentine", minuscole e lente. Se

ho anche queste, ma sono disciplinate.
Alcuni formicai da fessura, che tollero in casa, li
considero persino parte dell'ecosistema come dei
robopulitori. Stanno al loro posto da sempre, portano via
bricioline, polvere di crocchette e altro, nelle loro
fessure, consumano in silenzio, e solo di tanto in tanto
svuotano il nido di cadaveri smontati (tipo palline nere),
di rado gusci di uovo vuoto, come semi di sesamo schiacciati

> ti interessa, magari trovi qualcosa su Internet a proposito
> del "superformicaio". Lessi su Le Scienze anni fa che in
> effetti queste formichine hanno silenziosamente colonizzato
> migliaia di Km di Europa. Siccome non si ammazzano tra di
> loro, anche se di formicai differenti, cosa che le formiche
> serie invece fanno con estrema ferocia, si può appunto
> parlare di un superformicaio con miliardi di individui.
> Sono difficili da debellare e fanno fuori le altre formiche
> probabilmente solo in virtù della loro preponderanza
> numerica, dato che fisicamente non sembrano molto dotate.
>
>> Con le nere e con le rosse autoctone non ho nessun
>> problema di
>> convivenza. Le "rossette" di cui parlo sono invasive come
>> la peste, e
>> cambiano strada. Dovrei creare un anello perenne di
>> gasolio attorno
>> casa. Tra l'altro, sono delle efficientissime
>> SACCHEGGIATRICI DI NIDI di
>> altre specie di formiche. Sono poco corazzate, velocissime, e
>> "fòrmicissime" e nemmeno i formiconi neri corazzati, o le
>> ancora più
>> fòrmiche formìche rosse classiche riescono a difendere i
>> loro nidi.
>> Glieli svuotano in una mezz'ora, sfrecciando impunemente
>
> Toh, nonostante il mio antico interesse verso le formiche
> (volevo fare l'entomologo) di questo non so nulla. Le uniche
> "velocissime" che conoscevo sono delle nere non propriamente
> piccole, che ho spesso visto in mezzo alle argentine.
> Sfrecciano a tale velocità che le lentissime piccolette
> manco le vedono, hanno testa piccola (quindi mandibole poco
> pronunciate), e addome piuttosto grosso in proporzione. Non
> sapevo nemmeno di questo costume di razziare i formicai
> altrui.

non lo fanno solo le rossette. Anche le nostre rosse
nostrane di taglia più grande le ho viste in processioni da
nidi altrui, scariche all'andata, con uovo tra le ganasce al
ritorno. Le nere erano pazze, ma queste rosse sono troppo
fòrmiche per essere minacciate. Non mi hanno mai invaso.
Le maledette "rossette" (sono in realtà a tre segmenti :
testa marrone, torace rosso trasparente, addome marrone)
invece cercano ossessivamente i posti alti e asciutti,
meglio se di legno. Le ho viste anche ciucciare afidi, e
scalano alberi volentieri. Arrivano talvolta anche dai fili
della luce che toccano chiome o del telefono.

Hanno una spiccata tendenza a memorizzare percorsi
unidimensionali, e scarsa dimestichezza a orientarsi in un
piano (hanno pochi bit in zucca secondo me)

> Per quanto ne sapevo, entrare in un formicaio è
> praticamente impossibile senza scatenare un ******* di sangue
> (di formica).

non riescono a beccarle, sono come accelerate

>
>>
>>>
>>> Io le lucertole le allevavo in un terrario, le nutrivo
>>> con grassi
>>> cagnotti, ma vedevo che non erano felici (e infatti: >
>>> mi cagavano in
>>> mano ogni volta che le acchiappavo, il loro
>>
>> presumo per lo stress ... a volta si staccano la coda
>> anche senza
>> ragione, sotto stress.
>
> Eh sì, bisogna acchiapparle con la massima cura e
> saldamente, allora scatta il riflesso dell'immobilità (e
> quell'altro che ho detto).

già : fare il morto, sperando (si fa per dire) che il
predatore pensi che sei carne avariata o malato

> Se invece pensano di poter
> scappare non esitano ad automutilarsi per distrarre il
> predatore, che potrebbe concentrarsi sulla coda (che si
> contorce in automatico per un po' di tempo dopo staccata).
> Curiosi animaletti.
>
>>> Poi mi sono reso conto di essere un ipocrita, in quanto
>>> carnivoro.
>>
>> non mi pare ipocrisia in realtà. PArziale incoerenza si,
>> ma forse
>> nemmeno totale.
>
> ... grazie per l'assoluzione parziale! :-)

sono convinto che qualsiasi gesto orientato al bene sia cmq
un bene in sé. La coerenza è un valore di rango più basso,
se rispettarla significa sacrificare qualcosa di buono, imho.

Per tale ragione preferisco un mondo in cui tre persone
riducano la carne consumata della metà, piuttosto di uno in
cui uno sia vegano puro e due onnivori puri. I numeri sono
importanti, anche se molti pensano solo in modo
ideologicamente qualitativo.

>
>> Anche nell'uccidere e nell'allevare ci sono infinite
>> sfumature di
>> perversione, che passano dal modo di cacciare e di vivere
>> l'evento dei
>> pellirosse, che veneravano il Bisonte come semidivinità e
>> chiedevano
>> scusa e grazie, all'eccesso di usare gli animali come
>> prodotti
>> inanimati, talvolta persino bersagli di scherno e
>> frustrazione prima
>> della macellazione.
>>
>
> Cose brutte. I pellirossa vivevano in equilibrio con
> l'ambiente, predando lo stretto necessario e sfruttando
> tutto del bisonte. Quando arrivarono i bianchi, rimasero
> esterrefatti dal fatto che essi facessero strage di bisonti,
> per prelevare solo la ******* lasciando centinaia di
> carcasse a marcire. Per loro era un terribile sacrilegio (e
> direi anch'io che lo è).

e non è finita. PErsistono atrocità irrazionali come il
"finning" (pinne di pescecane per la zuppa omonima), e
l'uccisione di elefanti e rinoceronti praticamente solo per
avorio e corno. Ci metterei dentro anche gli animali
ammazzati per la sola pelliccia, e uccisi per elettrocuzione
con un elettrodo nel sedere e uno in bocca, così da non
rovinare nemmen un pelo.

> Si trattava dei cacciatori
> assoldati dalle compagnie che posero le prime ferrovie. O
> almeno io la so così.

si, i ferrovieri finanziavano gli sterminatori come il
famoso buffalo bill (minuscolo), che credo abbia ucciso più
di un milione di bestie in carriera.

>
>>
>>>
>>> Mi fregano un po' i gatti, quando mi si accoccolano sulle
>>> ginocchia e
>>> cominciano a fare le fusa.
>>
>> il gatto è abile a ******* i riservati :)
>>
>
> Ah! Ah! Hai proprio ragione! Sono dei marpioni insuperati. :-)
>
>>
>> il gatto non lo sa, ma la lucertola gli si ritorce contro.
>> Contiene
>> sostanze anti-nutrienti, e i gatti che magnano tante
>> lucertole diventano
>> magri come stecchi.
>
> La saggezza contadina lo sapeva: avendo passato una parte di
> infanzia in campagna, me lo sentii dire dalla nonna, e
> rimasi molto meravigliato. Diceva che diventavano brutti e
> spelacchiati... Curioso che invece non pare che abbiano
> alcuna conseguenza a mangiare gli scorpioni (visto con i
> miei occhi).

se non iniettate, molte tossine proteiche sono innocue. Poi
lo stomaco di gatto è bello acido

>
> Dan
>


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Soviet_Mario 2 Mag 2017 22:05
On 02/05/2017 21.40, rawmode wrote:
> "Soviet_Mario"
> ....
> Diversamente andrebbe di moda auto-arrostirsi.
>
> .....
> Guarda che le *****ate, in natura, sono esclusiva opera umana!

ma infatti era un'affermazione per assurdo, ironica.

> Una lucertola non arriverebbe mai a pprospettarsi una fiammella!!
> Ma come ti viene in testa!?:) A te una lucertola non ti vede proprio,

non è esatto, ti vede non appena ti muovi. Però se stai
immobile ti dimentica presto. Anzi, non ti vede nemmeno se
ti muovi ad una velocità inferiore a una certa soglia (che
si riduce con la distanza, ma se uno è molto paziente, la
può raggiungere). Ho già toccato qualche lucertola sul naso,
con questa tecnica del rallentamento. Non gli scattano gli
allarmi, rimani un elemento del paesaggio a bassa velocità.

> sei come bufalo sul quale gli uccellini vanno a beccare i parassiti.
> Insolla le lucertole lo sanno che sei un....
> un coso che scrive poesie!!
> ;)
>
>


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
rawmode 3 Mag 2017 07:27
"Soviet_Mario"
.....
trovassi uova visibili, avrei cura di seppellirle sotto un
dito di sabbia, a sud.
(le ultime tre righe si autodistruggeranno) :)

CCCP

.....

Allora, lo avete trovato "freaks", una raccolta di mostriciattoli
umani: mezzi-uomini, nani e storpi che seviziano un asino..
tra le altre cose. Non ve lo consiglio in realta'; basta e' sapere
che esiste.
A prop. di lucertole, una volta giravo per stradine di campagna,
e andavo verso una fontana. Arrivato li', c'e' una piccola vasca
in pietra sulla quale apoggiai un piede e stavo per chinarmi per bere
quando una lucertola salto' fuori dalla macchia di fronte, a una decina
di metri. Percorse velocemente tutto il tratto, salto' sulla vasca, salto'
sulla mia scarpa, s'infilo' nel pantalone e comincio' a salir su in men
che non si dica!!:)) La bloccai con una mano sulla coscia e dovetti
calarmi i pantaloni per tirarla fuori!! Per cosa mi aveva scambiato!?;)
danca (Daniele Campagna) 5 Mag 2017 14:30
Il 05/05/2017 01:27 PM, rawmode ha scritto:
> "rawmode"
>
>>
>> Si è plausibile : l'hai scambiata per il guizzo argenteo di
>> una lucertolessa. E invece era la fiamma formicicida !
>> .....
>>
>> i rettili hanno "la vista" a infrarossi e voleva papparsi
>> la tua fiammella..che avra' scambiato tutt'al piu' per una
>> farfalla..
>
> Cmq, a ripensarci, non credo che la lucertola sia fornita
> di "vista a infrarossi", questo perche' i serpenti che ne
> sono provvisti hanno proprio un apparato sul muso..
> un paio di buchini. Ma sono certo che abbia scambiato
> la fiammella per una farfallina, per lo stesso motivo per
> cui per alcuni(molti) tipi di pesca si usa "il cucchiaino"
> o "la ******* ,

Argh! Passi per il cucchiaino, ma per la ******* come figlio di un grande
pescatore a ******* secca, devo contraddirti.
La realizzazione e lo stu***** delle imitazioni di ******* è una cosa
piuttosto complessa, altro che "qualcosa che vibra"!
Le moschine si fanno con estrema cura usando fili di seta di vari colori
e speciali piumette di *******
Ogni ******* imita un certo tipo di insetto, e bisogna stare attenti anche
alla stagione in cui si pesca e alla località.
Le moschine poi sono siliconate per renderle impermeabili e infine
utilizzate.

Quando un pescatore che si fa le moschine da solo pesca una trota (o un
temolo, un salmerino, ecc.) la prima cosa che fa è di controllare se la
moschina è ancora utilizzabile, gli interessa quasi più la ******* della
trota!

Dan

--
"Everybody should pay taxes with a smile"
I tried, but they want money.
rawmode 5 Mag 2017 20:52
"rawmode"

>
> Effettivamente, ho ricordato appena come si chiamano ma la diff.
> tra le due non mi era molto chiara.. se raccontassi le mie av*****e
> "

"IL cucchiaino" invece assomiglia agli orecchini di questa su la
la7 che parla,: andrebbero bene per acchiappare lucci!!
ADPUF 5 Mag 2017 20:53
danca (Daniele Campagna) 16:30, martedì 2 maggio
> Il 05/02/2017 11:51 AM, rawmode ha scritto:
>>
>> i rettili hanno "la vista" a infrarossi e
>> voleva papparsi la tua fiammella..che avra'
>> scambiato tutt'al piu' per una farfalla..
>>
>>
> Concordo sulla farfalla, meno "romantica"
> della lucertolessa ma più plausibile IMHO.


I sensori per infrarossi servono (ai serpenti)
per catturare i mammiferi.

Gl'insetti sono freddi.

Sulla vicenda narrata da SM non ho idea del
motivo del comportamento dell'animale.

Io non o***** le formiche, del resto puliscono
detriti organici.

Da bambino le martellavo e ho anche torturato
lucertole (per imitazione); adesso me ne
vergogno di averlo fatto.

Ormai uccido solo zanzare, che poi dò in pasto
ai ragni o alle stesse formiche.


Ah, e le scutigere? Vi piacciono?
Ne ho appena espulsa una dalla casa.


--
AIOE °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google
Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!
ADPUF 5 Mag 2017 20:54
danca (Daniele Campagna) 21:18, martedì 2 maggio 2017:

>> il gatto non lo sa, ma la lucertola gli si ritorce contro.
>> Contiene sostanze anti-nutrienti, e i gatti che magnano
>> tante lucertole diventano magri come stecchi.
>
> La saggezza contadina lo sapeva: avendo passato una parte di
> infanzia in campagna, me lo sentii dire dalla nonna, e rimasi
> molto meravigliato. Diceva che diventavano brutti e
> spelacchiati... Curioso che invece non pare che abbiano
> alcuna conseguenza a mangiare gli scorpioni (visto con i miei
> occhi).


Perché il veleno ha effetto solo nel circolo sanguigno?

E poi spesso gli animali scelgono che cosa mangiare e che cosa
lasciare delle prede.


--
AIOE °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!
ADPUF 5 Mag 2017 20:54
rawmode 22:16, martedì 2 maggio 2017:
>
> "danca (Daniele Campagna)"
>
>>
>> Non so perché la lucertola, il più innocuo e grazioso dei
>> rettili, suscitasse tale maligno istinto rettilicida.
>> Evidentemente c'è qualcosa di atavico che ci fa odiare i
>> rettili, anche i più innocui. Del resto potrebbe essere un
>> altro obliquo retaggio della dottrina cattolica, a cui tutti
>> ahimé siamo stati esposti, con quella storia del serpente.
>> Mah. O magari la dottrina ha scelto il serpente proprio
>> perché sapeva che è' odiatissimo.
>>
>>
>
> il serpente e' il simbolo dello spirito, infatti si trova
> anche sulla grappa(acqua vitae!!:), nonche' anche la medicina
> se ne e' appropriato.. (i famosi serpenti incrociati di
> hermes).. Del fatto che i regazzini, siano cosi' crudeli!!!!
> no so spiegartelo.. Ma ti assicuro che gli ******* sono
> peggio.. Siccome sei cosi' sensibile, suggerirei un film
> "freaks" tedesco, circa anni trenta, muto, a fatto da tutti
> mostri(reali) cha dfanno cose mostruose(reali); qualcosa di
> ******* Allora "l'umano" ha questo senso esclusivo anche
> dell'horror.. dell'orrore.


Freaks di Todd Browning americano e sonoro.


--
AIOE °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!
rawmode 5 Mag 2017 21:26
"ADPUF"

>
>
> Freaks di Todd Browning americano e sonoro.
>

Sei sicuro? avrei giurato fosse una "compagia" tedesca..
ma mi fido; era del mio amico(abbastanza folle), ho visto
solo alcune scene; terribile..
Soviet_Mario 5 Mag 2017 21:26
On 05/05/2017 21.12, rawmode wrote:
> "ADPUF"
>
>>
>> Sulla vicenda narrata da SM non ho idea del
>> motivo del comportamento dell'animale.
>>
>> Io non o***** le formiche, del resto puliscono
>> detriti organici.

ma infatti ne "tengo" (= tollero) alcuni formicai domestici
negli stipiti delle porte, perché non sono invasive e sono
stabili da anni. Sono piccoline e lente, e ripuliscono.
Ma quelle altre sono senza freni, mostruosamente infestanti
e invasive

>>
>
> Eh, tu non odi le formiche da lontano vero!?:)
> ma chi ha la passione per le piante in genere deve aspettare
> dei risultati anche minimi da un anno all'altro ma, giunti al
> momento topico trovi tutto invaso da colonie di pidocchi
> allevati da formiche!? Non e' una questione di o*****, ma
> se passeggiano sul mio gelato, a me mi rompe!!

infatti allevano afidi e calfe a tutto spiano, e le mungono :-\

>
>
>
>
>
>> Da bambino le martellavo e ho anche torturato
>> lucertole (per imitazione); adesso me ne
>> vergogno di averlo fatto.
>>
>
> ricordo altro di tragico, praticamente rutti i bambini(ruspanti)
> hanno fatto cose del genere; da noi si acchiappavano col cappio
> praticato col filo terminale di una graminacea tipicament estiva..
> la lucerto e' curiosa, non devi infilarla, ma mostrare solo il cappio
> e quella ci infila la testa!! Poi si portava a guinzaglio!!
>
>
>
>
>
>
>> Ormai uccido solo zanzare, che poi dò in pasto
>>
>
> qui e' guerra senza quartiere..
> armi chimiche comprese ma proprio in extremis
>
>
>
>
>


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
danca (Daniele Campagna) 5 Mag 2017 23:18
Il 05/02/2017 10:03 PM, Soviet_Mario ha scritto:
> On 02/05/2017 21.18, danca (Daniele Campagna) wrote:

>> Per quanto ne sapevo, entrare in un formicaio è praticamente
>> impossibile senza scatenare un ******* di sangue (di formica).
>
> non riescono a beccarle, sono come accelerate
>

Sì, ma questo vale negli spazi aperti.
Per chi non ne sa di combattimenti tra formiche:

Non esiste alcun eroe, né alcun fiero combattente tra i mammiferi
superiori, né in ogni altro regno animale, che combatta come le formiche.
La formica combatte come una cellula, come un anticorpo monoclonale,
come un robot. E' in effetti un robot.
La formica non ha il minimo istinto di sopravvivenza quando combatte. Il
suo programma è di morire chissenefrega anche se solo riesce a creare un
minimo danno al nemico.

I trecento delle termopili: sono il miglior esempio umano di come
combattono le formiche. (E c'è infatti chi sprezzantemente definì Sparta
come un esperimento sociologico simile ad un formicaio. Chi disse che
era il primo, vero, comunismo della Storia. Bah. Era Sparta, e basta.)

O i ******* a Iwo Jima, forse.

Ho visto formiche abbrancare le zampe di una formica più possente, fatte
a pezzi, ma con le mandibole sempre serrate sulla zampa del nemico, ed
alla fine solo la testa restava, ma sempre saldamente serrata. Non
mollano mai, non si ritirano mai.

Anche gli insetti più feroci ad un certo punto mollano, e scappano. I
ragni sono dei vigliacchi di prima categoria, e beh, lo si sa. Ma
dell'umile formica forse non tutti sanno questa inumana dedizione al
sacrificio sempre e comunque.
Persino il re degli invertebrati inferiori, la macchina da guerra,
l'invincibile, il corazzato, velenoso, possente scorpione, imbattuto e
invitto, quando vede la mala parata tenta la fuga. Si dice che si
autosopprima in certi casi, ma non mi risulta, probabilmente son
leggende. Lo scorpion fugge, eccome. La formica, col c... che fugge.

Bisogna che confessi qui che, mentre non amavo più torturare gli
insettini, dopo aver fatto cose bruttissime a qualche ******* (strappate
le ali e poi incenerita con l'accendino, argh) e a qualche formica
(inseguita col raggio della morte rappresentato da una lente
d'ingrandimento), basta: ma farli combattere tra di loro è un'altra
storia. Nessun rimorso: era in qualche modo una loro decisione.

Ho una vasta casistica di ragni contro mantidi, mantidi contro vespe,
ragni contro formiche, formiche contro formiche (di altro formicaio),
mantidi contro <la qualunque>, ragni contro ragni, eccetera
(soprattutto, pei ragni: tegenarie, ragno crociato, e la versione
italica della vedova nera, un esserino molto men velenoso, ma un *******
nato). Si, beh, ero un appassionato soprattutto di ragni e formiche, a
parte l'amore sviscerato per le mantidi.

Prendevamo, io e mio cugino, che una volta tanto ero IO a coinvolgere,
dato che di solito era lui, due anni più grande, a coinvolgermi nelle
sue invenzioni, formiche da diversi formicai. Poi le mettevamo sotto a
un bicchiere capovolto e assistevamo alla carneficina.

Il tutto per dire che in spazi ristretti la velocità non basta:
evidentemente le formiche che invadono un altro formicaio possono
contare su qualche arma chimica: mimano l'odore delle altre, o secernono
qualcosa che le fa passare inosservate, tipo il fluido dell'invisibilità.
Non esiste che una formica riconosciuta come estranea in spazi ristretti
riesca a sgabbiarsela: in un formicaio non si passa, e basta: un milione
di piccole mandibole scattano a vuoto sul piè veloce, ma dopo che una
sola ti abbranca, i tuoi movimenti diventano più lenti, e tutte le altre
ti fanno a pezzi.

Comunque non mi sono andato a guardare niente su Wikipedia, eccetera.
Quindi magari mi sbaglio, sono osservazioni di un profano dodicenne. Del
resto non avevo ancora scoperto una cosa ben più interessante...
(tutti penseranno: la ******* ).
No, GLI SCACCHI.
Per la ******* ci son voluti altri quattro-cinque anni, e lì poi mi son
rovinato del tutto.

Dan
Soviet_Mario 6 Mag 2017 00:38
On 05/05/2017 23.18, danca (Daniele Campagna) wrote:
> Il 05/02/2017 10:03 PM, Soviet_Mario ha scritto:
>> On 02/05/2017 21.18, danca (Daniele Campagna) wrote:
>
>>> Per quanto ne sapevo, entrare in un formicaio è praticamente
>>> impossibile senza scatenare un ******* di sangue (di formica).
>>
>> non riescono a beccarle, sono come accelerate
>>
>
> Sì, ma questo vale negli spazi aperti.
> Per chi non ne sa di combattimenti tra formiche:
>
> Non esiste alcun eroe, né alcun fiero combattente tra i
> mammiferi superiori, né in ogni altro regno animale, che
> combatta come le formiche.
> La formica combatte come una cellula, come un anticorpo
> monoclonale, come un robot. E' in effetti un robot.
> La formica non ha il minimo istinto di sopravvivenza quando
> combatte. Il suo programma è di morire chissenefrega anche
> se solo riesce a creare un minimo danno al nemico.
>
> I trecento delle termopili: sono il miglior esempio umano di
> come combattono le formiche. (E c'è infatti chi
> sprezzantemente definì Sparta come un esperimento
> sociologico simile ad un formicaio. Chi disse che era il
> primo, vero, comunismo della Storia. Bah. Era Sparta, e basta.)
>
> O i ******* a Iwo Jima, forse.
>
> Ho visto formiche abbrancare le zampe di una formica più
> possente, fatte a pezzi, ma con le mandibole sempre serrate
> sulla zampa del nemico, ed alla fine solo la testa restava,
> ma sempre saldamente serrata. Non mollano mai, non si
> ritirano mai.

probabilmente lo sai già, ma la mandibola di formica ha
muscoli solo per APRIRSI, ed una molla tendinea per stare
chiusa. Quindi anche da morta, il suo stato di default è
chiusa. E' come una tagliola : o la apre volontariamente
lei, o devi spaccarla.

>
> Anche gli insetti più feroci ad un certo punto mollano, e
> scappano. I ragni sono dei vigliacchi di prima categoria, e
> beh, lo si sa.

tutti i predatori puri non possono permettersi il coraggio :
se restano danneggiati, sono finiti e muoiono di fame. Beh,
parlo di predatori non sociali, infatti i cani in muta
combattono anche con la pancia aperta, contro roba tipo
orsi, cinghiali e esseri più forti.

> Ma dell'umile formica forse non tutti sanno
> questa inumana dedizione al sacrificio sempre e comunque.

anche le api per il nido sono disposte a morire : anzi,
pungendo sono già spacciate a prescindere

> Persino il re degli invertebrati inferiori, la macchina da
> guerra, l'invincibile, il corazzato, velenoso, possente
> scorpione, imbattuto e invitto, quando vede la mala parata
> tenta la fuga.

vale per ogni creatura "single", di avere un istinto di
conservazione forte, che coincide con quello di specie.

Per gli esseri-alveare, le due cose divergono, e prevale la
colonia nell'insieme.

> Si dice che si autosopprima in certi casi, ma
> non mi risulta, probabilmente son leggende.

credo che il fondamento siano alcune stoccate fuori misura
quando è rintronato o danneggiato, coi quali penso
inavvertitamente si colpisce da solo in testa mancando il
nemico. Movimenti forse riflessi, non so, mal calibrati.

> Lo scorpion
> fugge, eccome. La formica, col c... che fugge.
>
> Bisogna che confessi qui che, mentre non amavo più torturare
> gli insettini, dopo aver fatto cose bruttissime a qualche
> ******* (strappate le ali e poi incenerita con l'accendino,
> argh) e a qualche formica (inseguita col raggio della morte
> rappresentato da una lente d'ingrandimento), basta: ma farli
> combattere tra di loro è un'altra storia. Nessun rimorso:
> era in qualche modo una loro decisione.

anche io facevo duellare gli insetti. Lo scorpione è tra i
più bellicosi, e non molto diverso il calabrone. La mantide
ricordo era molto schiva e combatteva solo se attaccata. Mi
sarebbe piaciuto avere (ma non c'è qui) uno scarafaggio /
scarabeo manticora, che sembra essere aggressivissimo.
Quanto ai ragni, non è semplice trovare quelli che cacciano
a terra di taglia adatta qui. Una tarantola amazonica o una
migale gigante attaccano anche rane, piccoli serpi, anche
roditori (ma non è detto che vincano !).
Un altro tignoso è il centopiedi gigante, quello con le
tenaglie, velenoso tra l'altro.

>
> Ho una vasta casistica di ragni contro mantidi, mantidi
> contro vespe, ragni contro formiche, formiche contro
> formiche (di altro formicaio), mantidi contro <la
> qualunque>, ragni contro ragni, eccetera (soprattutto, pei
> ragni: tegenarie, ragno crociato, e la versione italica
> della vedova nera, un esserino molto men velenoso, ma un
> ******* nato). Si, beh, ero un appassionato soprattutto di
> ragni e formiche, a parte l'amore sviscerato per le mantidi.
>
> Prendevamo, io e mio cugino, che una volta tanto ero IO a
> coinvolgere, dato che di solito era lui, due anni più
> grande, a coinvolgermi nelle sue invenzioni, formiche da
> diversi formicai. Poi le mettevamo sotto a un bicchiere
> capovolto e assistevamo alla carneficina.
>
> Il tutto per dire che in spazi ristretti la velocità non
> basta: evidentemente le formiche che invadono un altro
> formicaio possono contare su qualche arma chimica: mimano
> l'odore delle altre, o secernono qualcosa che le fa passare
> inosservate, tipo il fluido dell'invisibilità.
> Non esiste che una formica riconosciuta come estranea in
> spazi ristretti riesca a sgabbiarsela: in un formicaio non
> si passa, e basta: un milione di piccole mandibole scattano
> a vuoto sul piè veloce, ma dopo che una sola ti abbranca, i
> tuoi movimenti diventano più lenti, e tutte le altre ti
> fanno a pezzi.

si ma le rossette sono anche estremamente numerose, non sono
poche

>
> Comunque non mi sono andato a guardare niente su Wikipedia,
> eccetera. Quindi magari mi sbaglio, sono osservazioni di un
> profano dodicenne. Del resto non avevo ancora scoperto una
> cosa ben più interessante...

non sei il solo : i tornei di insettomachia li ricordo con
piacere. Li facevamo in scatole coperte di plastica
trasparente, e aggiungevamo trappole tipo
1) motorino del ventilatore
2) pentolino con PONGO FUSO
3) striscie elettriche di stagnola (rischi da follia !). I
malcapitati spesso scintillavano e si carbonizzavano, ma non
facevano saltare la luce, perché l'esoscheletro conduce la
corrente che è una schifezza, che coincidenza fortuita !

> (tutti penseranno: la ******* ).
> No, GLI SCACCHI.
> Per la ******* ci son voluti altri quattro-cinque anni, e lì
> poi mi son rovinato del tutto.
>
> Dan
>


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
ADPUF 22 Mag 2017 00:32
ADPUF 20:53, venerdì 5 maggio 2017:

> Ah, e le scutigere? Vi piacciono?
> Ne ho appena espulsa una dalla casa.


https://it.wikipedia.org/wiki/Scutigera_coleoptrata


--
AIOE °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!
ADPUF 22 Mag 2017 00:32
rawmode 21:26, venerdì 5 maggio 2017:
> "ADPUF"
>>
>> Freaks di Todd Browning americano e sonoro.
>
> Sei sicuro? avrei giurato fosse una "compagia" tedesca..
> ma mi fido; era del mio amico(abbastanza folle), ho visto
> solo alcune scene; terribile..


Non so...

Questo è quello che dico io:
https://it.wikipedia.org/wiki/Freaks_(film)

un po' di video:
https://www.youtube.com/watch?v=stXcSdV7IeU


--
AIOE °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!
Soviet_Mario 22 Mag 2017 01:20
On 22/05/2017 00.32, ADPUF wrote:
> ADPUF 20:53, venerdì 5 maggio 2017:
>
>> Ah, e le scutigere? Vi piacciono?

le o***** mostruosamente, per lo schifo, la velocità paurosa,
e la tendenza a sfracellarsi nella cattura. Ma in seguito
alle ristrutturazioni sono praticamente svanite.


>> Ne ho appena espulsa una dalla casa.
>
>
> https://it.wikipedia.org/wiki/Scutigera_coleoptrata
>
>


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
danca (Daniele Campagna) 24 Mag 2017 06:58
Il 05/22/2017 12:32 AM, ADPUF ha scritto:
> ADPUF 20:53, venerdì 5 maggio 2017:
>
>> Ah, e le scutigere? Vi piacciono?
>> Ne ho appena espulsa una dalla casa.
>
>
> https://it.wikipedia.org/wiki/Scutigera_coleoptrata
>
>
Ayee! Finalmente so cos'è quel mostriciattolo che ho intravisto
sfrecciare due o tre volte nell'ultimo paio di anni. Se vive davvero
fino a sette anni magari è sempre la stessa. Sono molto rassicurato,
pensavo fosse qualcosa di velenosissimo.

Dan
--
"Everybody should pay taxes with a smile"
I tried, but they want money.
ADPUF 6 Giu 2017 21:10
Soviet_Mario 01:20, lunedì 22 maggio 2017:
> On 22/05/2017 00.32, ADPUF wrote:
>> ADPUF 20:53, venerdì 5 maggio 2017:
>>
>>> Ah, e le scutigere? Vi piacciono?
>
> le o***** mostruosamente, per lo schifo, la velocità paurosa,
> e la tendenza a sfracellarsi nella cattura. Ma in seguito
> alle ristrutturazioni sono praticamente svanite.


Io uso un barattolo di vetro per catturare gli animaletti
(ragni falene tipule ecc) poi li libero all'esterno.

Effettivamente le scutigere (centopiedi) sono "fragili" (specie
le gambette) e soprattutto velocissime, e spesso ti sembra che
ti vengono addosso (probabilmente cercano lo scuro sotto ai
tuoi piedi).

Ma a volte le colgo di sorpresa e con calma le insacco nel
barattolo.

Sono carnivore, quindi dovrebbero essere utili. Ma fanno
senso...

Se ti sono sparite vuol dire che non hanno da mangiare altre
bestie.


--
AIOE °¿°
Ho plonkato tutti quelli che postano da Google Groups!
Qui è Usenet, non è il Web!

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Scritti inediti e consigli per gli autori | Tutti i gruppi | it.arti.scrivere | Notizie e discussioni scrivere | Scrivere Mobile | Servizio di consultazione news.