Scritti inediti e consigli per gli autori
 

QUEL SUO OCCHIO FRAGILE- E DISSOLUTIVO

DOMACCIA 27 Ago 2015 21:52
Nel novendiale di quella reclusione
( in un suo tempio mai profanato
da spargimenti di sangue)
pensava ai loro grandi voli tragici
in un cielo vuoto e mortale
- come quegli uccelli funebri
che trasportano il corpo di Tristano...

Era nel mondo ambiguo
- della linea del tramonto-
aveva limitato la propria scelta
a mondi aridi
-sul margine deserto dell'universo-
a mari di sabbia
fusi in laghi di vetro
balzati fuori da una fantasia minerale
che la attraversava
- e con un suo certo pallore polare-
mentre i colori
dei muri e delle strade
si erano già trasformati
nel ciclamino scuro del crepuscolo...
Da quel duro silenzio
che la sovrastava- come un patibolo-
promanava metallica e pura
una evocazione delle lagune-
ma prosciugate di ogni colore
( e ben prima che il suo occhio
fragile e dissolutivo
potesse mai incontrarsi con quei suoi occhi ciechi
che la fissavano con immutabile compassione).

DOMACCIA

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Scritti inediti e consigli per gli autori | Tutti i gruppi | it.arti.scrivere | Notizie e discussioni scrivere | Scrivere Mobile | Servizio di consultazione news.