Scritti inediti e consigli per gli autori
 

La storia del Vento

pecco 2 Mar 2015 21:58
Tanti, tanti anni fa, quando gli uomini vivevano ancora nelle caverne, il Vento
venne ad abitare fra loro. Lo fece per aiutarli nei loro compiti (visto che
erano alle prime armi) e per dimostrare a sua sorella, la Pioggia, a seguito di
una discussione tra loro intercorsa, quanto fosse importante fare qualcosa per
gli altri scendendo dal proprio piedistallo.
Prese dunque le sembianze umane, o meglio scimmiesche, in modo da non farsi
riconoscere, e anch'esso si diede alle attività primordiali, come cacciare,
ripararsi, incidere le pareti con graffiti.
Ma di quello che il Vento faceva non restava mai traccia: nessuno può
modificare del tutto la propria natura.
Così gli altri uomini ebbero assieme paura, diffidenza e anche una sorta di
ammirazione nei suoi confronti, come fosse una sorta di Messia ante litteram.
Con schiamazzi (quasi dei grugniti) e urla (o meglio urli) cercarono di
scacciarlo, ma il Vento non voleva ammettere la propria sconfitta...
Solo quando si rese conto che neanche nella preistoria del mondo (oltre che, col
senno del poi, nella storia) c'era posto per la riconoscenza riprese le sue
sembianze e soffiando forte fece crollare i primi abbozzi di capanne con cui gli
umani si stavano cimentando. Quest'azione, finalmente, fu efficace e visibile,
e, seppur negativa, diede agli uomini la misura della forza del Vento.
Da allora la diffidenza si tramutò in rispetto e la paura in venerazione, e il
Vento poté tornare nel suo mondo con la soddisfazione, almeno, di aver
insegnato agli uomini a guardare oltre. Purtroppo, però, come poi sarebbe
successo in futuro il più delle volte, solo grazie alle maniere forti...
danca 2 Mar 2015 23:01
Il 02/03/2015 21:58, pecco ha scritto:
...

Ritenta, sarai più fortunato.
Dan
Brancaleone 8 Mar 2015 11:50
Saltellando sulle sue LellyKelly fucsia, *pecco* sul palcoscenico di
*it.arti.scrivere* tiptappò la seguente frase:
> Da allora la diffidenza si tramutò in rispetto e la paura in
> venerazione [...] grazie alle maniere forti...

non torna.
Nella tua storiella il il rispetto è stato sostituito dalla paura e la
venerazione dalla sottomissione.

Un po' come l'uomo moderno che non rispetta le regole ma teme
l'autovelox :-)

--
http://santapadella.altervista.org - il miglior sito degli ultimi 150
anni
http://tinyurl.com/roserozze - La migliore amica dell'uomo
http://www.unodimeno.tk - Delinquenza e i*****zia
Quella vegana é un'ottima dieta.
Ma dimmi: é buona la carne di vegano?
nik56 29 Mar 2015 23:16
pecco ci ha detto :
> Tanti, tanti anni fa, quando gli uomini vivevano ancora nelle caverne, il
> Vento venne ad abitare fra loro. Lo fece per aiutarli nei loro compiti (visto
> che erano alle prime armi) e per dimostrare a sua sorella, la Pioggia, a
> seguito di una discussione tra loro intercorsa, quanto fosse importante fare
> qualcosa per gli altri scendendo dal proprio piedistallo. Prese dunque le
> sembianze umane, o meglio scimmiesche, in modo da non farsi riconoscere, e
> anch'esso si diede alle attività primordiali, come cacciare, ripararsi,
> incidere le pareti con graffiti. Ma di quello che il Vento faceva non restava
> mai traccia: nessuno può modificare del tutto la propria natura. Così gli
> altri uomini ebbero assieme paura, diffidenza e anche una sorta di
> ammirazione nei suoi confronti, come fosse una sorta di Messia ante litteram.
> Con schiamazzi (quasi dei grugniti) e urla (o meglio urli) cercarono di
> scacciarlo, ma il Vento non voleva ammettere la propria sconfitta... Solo
> quando si rese conto che neanche nella preistoria del mondo (oltre che, col
> senno del poi, nella storia) c'era posto per la riconoscenza riprese le sue
> sembianze e soffiando forte fece crollare i primi abbozzi di capanne con cui
> gli umani si stavano cimentando. Quest'azione, finalmente, fu efficace e
> visibile, e, seppur negativa, diede agli uomini la misura della forza del
> Vento. Da allora la diffidenza si tramutò in rispetto e la paura in
> venerazione, e il Vento poté tornare nel suo mondo con la soddisfazione,
> almeno, di aver insegnato agli uomini a guardare oltre. Purtroppo, però, come

> poi sarebbe successo in futuro il più delle volte, solo grazie alle maniere
> forti...

Hai mai pensato ad amputarti le mani? (cit.)

--
nik56

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Scritti inediti e consigli per gli autori | Tutti i gruppi | it.arti.scrivere | Notizie e discussioni scrivere | Scrivere Mobile | Servizio di consultazione news.