Scritti inediti e consigli per gli autori
 

non sono pazza

hastridmodifica 11 Dic 2014 16:09
una settimana or sono gli ho chiesto duramente di far conto ch'io fino al tardo
pomeriggio non sia mai nata.
ma il giorno dopo ha suonato 5 squilli al citofono che era lui che li suona come
riconoscimento e ho aperto l'uscio con le mani sui fianchi. mentre saliva la
rampa di scale lo sentivo piangere e singhiozzare come un bambino che viene
abbandonato all'asilo senza un saluto. io me ne frego se sta soffrendo perchè
quello là lo ha abbandonato, eppure la cosa mi tocca. poi in questi giorni c'è
anche il sole senza vento e questo è ancor più bruciante quasi a chiedersi se
il male ha un senso.
ora che è andato via perchè mal trattato da me, mi sento al posto suo e devo
correre giù ad abbracciarlo. aveva l'odore ti*****o dell'abbandono, quell'odore
di catrame con un minestrone che sta cuocendo pian piano. non li ho messi tutti
io i chiodi a ******* c'erano altri con me. lui approfitta che io sono fragile
nei suoi confronti perchè lui è la mamma di questa mia casa, e lui non lo sa,
io gli devo molto ma per quel che ne sa lui, io non gli devo niente. approfitto
sempre di questi momenti per riflettere sulla morte che spazzerà via tutto e
questa storia s*****herata finirà. soltanto con la morte finirà, e non è per
firmare il mio karma che lo dico. mi sta succhiando le energie, è un vampiro,
mi ha fatto del male, mi ha ferita, umiliata, ma lo avesse fatto soltanto a me
nulla sarebbe, lo ha fatto con altre, con sua madre, con chi non conosce la
prepotenza.ho bisogno d'aiuto, eppure so che me la caverò come sempre. lo sfogo
non ha sfogo, tremo, me ne frego se tremo.
Soviet_Mario 11 Dic 2014 21:59
Il 11/12/2014 16.09, hastridmodifica ha scritto:
> una settimana or sono gli ho chiesto duramente di far conto ch'io fino al
tardo pomeriggio non sia mai nata.
> ma il giorno dopo ha suonato 5 squilli al citofono che era lui che li suona
come riconoscimento e ho aperto l'uscio con le mani sui fianchi. mentre saliva
la rampa di scale lo sentivo piangere e singhiozzare come un bambino che viene
abbandonato all'asilo senza un saluto. io me ne frego se sta soffrendo perchè
quello là lo ha abbandonato, eppure la cosa mi tocca. poi in questi giorni c'è
anche il sole senza vento e questo è ancor più bruciante quasi a chiedersi se
il male ha un senso.
> ora che è andato via perchè mal trattato da me, mi sento al posto suo e devo
correre giù ad abbracciarlo. aveva l'odore ti*****o dell'abbandono, quell'odore
di catrame con un minestrone che sta cuocendo pian piano. non li ho messi tutti
io i chiodi a ******* c'erano altri con me. lui approfitta che io sono fragile
nei suoi confronti perchè lui è la mamma di questa mia casa, e lui non lo sa,
io gli devo molto ma per quel che ne sa lui, io non gli devo niente. approfitto
sempre di questi momenti per riflettere sulla morte che spazzerà via tutto e
questa storia s*****herata finirà. soltanto con la morte finirà, e non è per
firmare il mio karma che lo dico. mi sta succhiando le energie, è un vampiro,
mi ha fatto del male, mi ha ferita, umiliata, ma lo avesse fatto soltanto a me
nulla sarebbe, lo ha fatto con altre, con sua madre, con chi non conosce la
prepotenza.ho bisogno d'aiuto, eppure so che me la caverò come sempre. lo sfogo
non ha sfogo, tremo, me ne frego se tremo.
>

Di, ma ... le maiuscole ti fanno proprio ribrezzo ? Anche
l'a capo, vedo ... brainstorming ?

--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)
hastridmodifica 12 Dic 2014 00:56
Il giorno giovedì 11 dicembre 2014 16:09:53 UTC+1, hastridmodifica ha scritto:
> una settimana or sono gli ho chiesto duramente di far conto ch'io fino al
tardo pomeriggio non sia mai nata.
> ma il giorno dopo ha suonato 5 squilli al citofono che era lui che li suona
come riconoscimento e ho aperto l'uscio con le mani sui fianchi. mentre saliva
la rampa di scale lo sentivo piangere e singhiozzare come un bambino che viene
abbandonato all'asilo senza un saluto. io me ne frego se sta soffrendo perchè
quello là lo ha abbandonato, eppure la cosa mi tocca. poi in questi giorni c'è
anche il sole senza vento e questo è ancor più bruciante quasi a chiedersi se
il male ha un senso.
> ora che è andato via perchè mal trattato da me, mi sento al posto suo e devo
correre giù ad abbracciarlo. aveva l'odore ti*****o dell'abbandono, quell'odore
di catrame con un minestrone che sta cuocendo pian piano. non li ho messi tutti
io i chiodi a ******* c'erano altri con me. lui approfitta che io sono fragile
nei suoi confronti perchè lui è la mamma di questa mia casa, e lui non lo sa,
io gli devo molto ma per quel che ne sa lui, io non gli devo niente. approfitto
sempre di questi momenti per riflettere sulla morte che spazzerà via tutto e
questa storia s*****herata finirà. soltanto con la morte finirà, e non è per
firmare il mio karma che lo dico. mi sta succhiando le energie, è un vampiro,
mi ha fatto del male, mi ha ferita, umiliata, ma lo avesse fatto soltanto a me
nulla sarebbe, lo ha fatto con altre, con sua madre, con chi non conosce la
prepotenza.ho bisogno d'aiuto, eppure so che me la caverò come sempre. lo sfogo
non ha sfogo, tremo, me ne frego se tremo.

Il giorno giovedì 11 dicembre 2014 16:09:53 UTC+1, hastridmodifica ha scritto:
> una settimana or sono gli ho chiesto duramente di far conto ch'io fino al
tardo pomeriggio non sia mai nata.
> ma il giorno dopo ha suonato 5 squilli al citofono che era lui che li suona
come riconoscimento e ho aperto l'uscio con le mani sui fianchi. mentre saliva
la rampa di scale lo sentivo piangere e singhiozzare come un bambino che viene
abbandonato all'asilo senza un saluto. io me ne frego se sta soffrendo perchè
quello là lo ha abbandonato, eppure la cosa mi tocca. poi in questi giorni c'è
anche il sole senza vento e questo è ancor più bruciante quasi a chiedersi se
il male ha un senso.
> ora che è andato via perchè mal trattato da me, mi sento al posto suo e devo
correre giù ad abbracciarlo. aveva l'odore ti*****o dell'abbandono, quell'odore
di catrame con un minestrone che sta cuocendo pian piano. non li ho messi tutti
io i chiodi a ******* c'erano altri con me. lui approfitta che io sono fragile
nei suoi confronti perchè lui è la mamma di questa mia casa, e lui non lo sa,
io gli devo molto ma per quel che ne sa lui, io non gli devo niente. approfitto
sempre di questi momenti per riflettere sulla morte che spazzerà via tutto e
questa storia s*****herata finirà. soltanto con la morte finirà, e non è per
firmare il mio karma che lo dico. mi sta succhiando le energie, è un vampiro,
mi ha fatto del male, mi ha ferita, umiliata, ma lo avesse fatto soltanto a me
nulla sarebbe, lo ha fatto con altre, con sua madre, con chi non conosce la
prepotenza.ho bisogno d'aiuto, eppure so che me la caverò come sempre. lo sfogo
non ha sfogo, tremo, me ne frego se tremo.



Soviet Mario, non mi fanno ribrezzo le maiuscole, soltanto che non mi sembra il
caso di usarle quando mi sento depressa perchè perderebbero la loro importanza.
ciao e grazie, anzi buonanotte.

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Scritti inediti e consigli per gli autori | Tutti i gruppi | it.arti.scrivere | Notizie e discussioni scrivere | Scrivere Mobile | Servizio di consultazione news.